SEGRETI

Strage di Brescia, il governo Meloni non sarà parte civile nel processo

Strage di Brescia, il governo Meloni non sarà parte civile nel processo

Il governo di Giorgia Meloni non sarà parte civile nel nuovo processo per la strage di Brescia. Lo ha deciso ieri il giudice dell’udienza preliminare (gup) che dovrà decidere se mandare sotto processo, come esecutore, il neofascista Roberto Zorzi.

È l’effetto combinato di un errore della Procura, della superficialità del governo e della legge Cartabia. La Procura di Brescia non ha inserito la presidenza del Consiglio tra le parti offese, nell’atto che chiedeva il rinvio a giudizio per Zorzi, così il Tribunale non l’ha convocata in aula.

La legge Cartabia dispone che ci si possa costituire parte civile solo all’inizio dell’udienza preliminare, aperta il 23 marzo, e mai più dopo. Il governo quel giorno non era presente, ma ha tentato di costituirsi ieri, chiedendo la “riammissione in termini”. Impossibile, ha risposto il giudice, la Cartabia non lo permette: l’avvocatura dello Stato, a nome del governo doveva presentarsi il 23, anche senza avviso del giudice, perché era un fatto notorio, scritto da settimane su tutti i giornali, che quel giorno si apriva l’udienza preliminare per l’ultimo troncone processuale sulla strage di Brescia.

L’avvocatura dello Stato ha chiesto allora a nome del governo la nullità dell’atto che ha fissato l’udienza preliminare, perché non aveva la presidenza del Consiglio tra le parti offese: nullo l’atto, la Procura di Brescia avrebbe dovuto riscriverlo inserendo Palazzo Chigi e il Tribunale avrebbe dovuto fissare una nuova data per ricominciare l’udienza preliminare. No, ha risposto il gup, con una motivazione giuridica secondo cui la presidenza del Consiglio e lo Stato vanno considerati “parte danneggiata” e non “parte offesa” (come le vittime): dunque non scatta la nullità dell’atto.

Risultato: l’udienza preliminare va avanti e per la prima volta nella purtroppo lunghissima storia dei processi italiani per strage, lo Stato non sarà in aula come parte civile. Protesta Palazzo Chigi che annuncia il ricorso in Cassazione “contro un provvedimento così palesemente abnorme” (ma ha titolo a ricorrere in Cassazione, non essendo ancora entrato del processo?).

Replica l’avvocato Federico Sinicato, legale di parte civile delle vittime della strage (regolarmente convocate dai pm e costituite davanti al giudice): “Questa situazione è il risultato dello scarso interesse e il segno della scarsa sensibilità con cui il governo ha seguito questo processo, da mesi annunciato su tutti i media”.

 

 

Leggi anche:
Strage di Brescia, Meloni dimentica di costituirsi parte civile

Brescia. La testimone: “Promisi a Mario Mori il silenzio sulla strage”
Cara Meloni ti scrivo: due lettere (preoccupate) dei famigliari delle vittime delle stragi
L’ultima sentenza sulle stragi nere: ora sappiamo

Il Fatto quotidiano, 12 maggio 2023
To Top